sg_progrettoLa realizzazione del Parco di San Giuliano rappresenta uno dei progetti più ambiziosi tra quelli inseriti tra le proposte italiane ammesse a contributo europeo.
Di sicuro per Venezia costituisce uno degli interventi di riconversione urbana più significativi per consistenza, complessità e articolazione, nonché per le difficoltà di attuazione dovute al forte degrado ambientale del sito.
La proposta di bonifica dell’ambiente e di ripristino dell’ecologia marina – un settore oggi complesso e delicato, ma in rapido progresso – rappresenta l’inizio attuativo di una politica di conservazione e salvaguardia dell’habitat lagunare, in grado di invertire i processi di degrado dei patrimoni naturali esistenti sul bordo lagunare.
Con l’attuazione del parco l’area di Punta San Giuliano, utilizzata da anni come discarica di rifiuti industriali e urbani, perde definitivamente la sua funzione negativa di barriera tra Mestre e la sua laguna e torna a costituirne l’affaccio naturale sulla città antica.
Il progetto del parco, in estrema sintesi, prevede:
– la creazione di un’organizzazione comprensiva di una vasta gamma di attività ricreative nonché di un insieme, altrettanto diversificato, di strutture per attività culturali ed economiche,
– l’interconnessione di tali attività e strutture mediante un’adeguata rete di percorsi pedonali inserita nel sistema del verde, con contenimento del traffico veicolare in aree per parcheggi;
– l’eliminazione degli ostacoli fisici, visivi e psicologici che si frappongono tra i centri di Venezia e Mestre.